CastelliRomani.news
Il tuo territorio, la tua lettura quotidiana

Case ATER a Frascati. Quando la burocrazia diventa un ostacolo insormontabile

Freetime Frascati

La questione delle case ATER a Frascati (ma anche nel resto dei Castelli Romani) rappresenta una controversia perenne che coinvolge l’ente pubblico, controllato dalla Regione Lazio, e i proprietari degli alloggi. Da decenni, questa situazione rimane irrisolta, creando tensioni e difficoltà per i residenti.

Andando indietro nel tempo, la Regione Lazio è stata governata da figure di rilievo come l’ex giornalista Badaloni, Storace, Marrazzo, Polverini, Zingaretti, e attualmente Rocca. Ogni amministrazione ha promesso di affrontare la tematica ATER, ma le azioni concrete si sono rivelate scarse, lasciando i cittadini in balia del silenzio istituzionale.

Le difficoltà dei proprietari degli alloggi ATERI proprietari degli immobili ATER, coloro che hanno riscattato i loro alloggi, si trovano ora in una situazione di grande difficoltà. La necessità di effettuare lavori strutturali sugli edifici impone una suddivisione delle spese in base ai millesimi, obbligando i proprietari a confrontarsi con il “socio” ATER e, di conseguenza, con la Regione Lazio.

Questo crea un cortocircuito amministrativo e burocratico che sembra non avere soluzione.

La Regione Lazio deve ancora chiarire quale indirizzo politico intende seguire riguardo agli alloggi ATER. Il presidente Francesco Rocca proporrà la dismissione degli alloggi? E l’assessore Pasquale Ciacciarelli, quando effettuerà un sopralluogo per comprendere direttamente le problematiche dei residenti?

I proprietari degli alloggi ATER attendono risposte concrete e azioni tangibili da parte delle istituzioni. È essenziale che vengano ascoltati e che le loro preoccupazioni vengano affrontate con serietà. La trasparenza e il dialogo sono fondamentali per risolvere una situazione che, altrimenti, rischia di peggiorare ulteriormente.

La soluzione al problema delle case ATER richiede un approccio integrato e collaborativo tra tutte le parti coinvolte. Potrebbero essere valutate diverse opzioni, tra cui la possibilità di incentivi fiscali per i lavori di ristrutturazione, l’istituzione di fondi speciali per supportare i proprietari e una maggiore trasparenza nelle decisioni amministrative.

Le condizioni in cui versano alcuni degli edifici ATER a Frascati

Leggi anche

Zucchet Disinfestazioni Roma